Categorie

Categoria: Attività

Attività

Barbecque

By

Presso la struttura è disponibile un barbecue con utilizzo self service. E’ richiesto un contributo di € 3,00 a persona e da diritto all’utilizzo del barbecue, dei tavolini sottobosco e della legna. E’ escluso l’utilizzo della griglia che per motivi igienici non viene fornita. Non è possibile conservare vostre cose nel nostro frigo. In caso di utilizzo dei tavoli del ristorante è richiesto un contributo di € 50,00 fino a 10 persone, di € 100,00 fino a 20 persone. Oltre accordi di persona.

Fiume Santerno

By

Il fiume Santerno (99 km complessivi) nasce presso il passo della Futa e scorre lungo la sua vallata per 68 km. Il tratto montano e collinare è considerato come uno dei più interessanti di tutto l’Appennino toscoromagnolo. Il fiume si caratterizza per le pareti rocciose dei suoi meandri, le rive ripide, le acque ricche di avifauna e la varietà dei fenomeni geologici. Il Santerno si è scavato il suo profondo corso tra argille pleistoceniche (dai 5 ai 2 milioni di anni), gessi e formazioni marmosoarenacee. Per tutte queste ragioni, fiume Santerno costituisce un’importante risorsa turistica di Castel del Rio. Dal confine con la Toscana, lungo tutto il percorso fluviale, troviamo aree attrezzate per la balneazione e i pic nic (Lido Valsalva, ad esempio) ma anche per la pesca. A valle dell’abitato, infatti, si trova una bellissima zona «No kill» che offre ottime catture di barbo e cavedano. Infine, il Santerno ben si presta alla pratica della canoa fluviale: la qualità delle acque e la portata del corso sono ideali per questo sport nei mesi che vanno da febbraio ad aprile-maggio. Il fiume rappresenta un’alternativa ai corsi alpini, poco praticabili nei mesi invernali per la presenza di neve e ghiaccio. Il Santerno offre infatti 25 km ininterrotti di percorso ed è spesso canoabile anche da ottobre a gennaio. Negli altri mesi, offre piccoli specchi d’acqua in grado di ospitare campi scuola.

La struttura delle selve si trova a circa 5 km dal fiume, in una zona senza zanzare, fresca e senza confusione. Presso la struttura è disponibile una cartina con i migliori punti per godersi le acque del Santerno.

Storia e Cultura

By

Museo della Guerra: Fra i più ricchi dell’Emilia Romagna per numero di reperti posseduti, il museo della Guerra di Castel del Rio nasce nel 1978 grazie alla volontà di gente comune.

Oltre duemila pezzi, rigorosamente catalogati, sono esposti al secondo piano di Palazzo Alidosi. Articolata in tre sezioni: la Grande Guerra, la II Guerra Mondiale e l’attività partigiana e la deportazione dei cittadini di Castel del Rio, la collezione si compone di reperti e di documenti quasi interamente donati. Ogni anno, la terza domenica di maggio, il museo della Guerra promuove l’iniziativa Militaria, mostra-mercato di mezzi militari.

Santerno Valley War Cemetery, a Ceretola di Coniale.

Ponte degli Alidosi: Si erge sul fiume Santerno da più di cinquecento anni, un vero capolavoro di ingegneria civile. Genio o follia dell’uomo, il Ponte Alidosi presenta una struttura a schiena d’asino con un’unica arcata di 42 metri e una freccia di 19 metri. Commissionato da Obizzo Alidosi nel 1499 a mastro Andrea Gurrieri per cinquecento ducati d’oro, il Ponte simboleggia la potenza e la solidità della famiglia, riconquistate dopo un periodo di stagnazione. La costruzione durò più di vent’anni comportando parecchi morti e feriti, ma giovò sicuramente al movimento commerciale della Vallata del Santerno, privilegiando Castel del Rio come area mercatale. Al suo interno cinque stanze, probabilmente realizzate per motivi strutturali, consentivano alle guardie la riscossione delle gabelle e la possibilità di rinchiudere prigionieri.

Il Palazzo Alidosi: Della prima residenza della famiglia Alidosi, “Castrum Rivi” chiamata ora il “Castellaccio” sorta fra il XIII e il XIV sec non resta quasi nulla, a differenza del Palazzo costruito nel XVI sec. Discordia fra gli storici in merito al nome dell’architetto che progettò il maniero, sono stati citati il Bramante e Francesco da Sangallo. La costruzione fu commissionata inizialmente dal cardinale Francesco Alidosi, con l’intento di sottolineare la solidità del potere, fu poi proseguita da Cesare e Rizzardo Alidosi. I lavori iniziarono con grande disponibilità di mezzi e di manodopera. Il progetto iniziale prevedeva la realizzazione di un Palazzo-fortezza, con quattro bastioni a losanga molto pronunciati che racchiudevano all’interno un grande cortile con un loggiato composto da ventiquattro colonne di un solo pezzo di arenaria e al centro un pozzo. Un grande fossato circondava il palazzo e un ponticello a tre arcate consentiva di attraversarlo per entrare dall’unico ingresso realizzato. A sud, verso il paese, un magnifico giardino fu detto il Giardino delle delizie , nei sotterranei, oltre alle cantine erano presenti due prigioni per gli uomini e una per le donne.

Trekking

By
L’Alta Via dei Parchi è un itinerario da percorrere a piedi lungo l’Appennino fra Alta Via dei Parchi: tappa 7, tra Alpe San Pellegrino e Cimetta, l’Emilia-Romagna, la Toscana e le Marche. Attraversa due Parchi nazionali, cinque regionali e uno interregionale e permette di scoprire il meglio che le montagne appenniniche sanno offrire. L’itinerario è lungo circa 500 chilometri ed è suddiviso in 27 tappe. Potrete percorrere questa lunga traversata, anche per singole tappe oppure facendo dei trekking di due o più giorni anche grazie alla possibilità di raggiungere la gran parte dei punti di accesso all’itinerario con i mezzi pubblici o in alternativa con taxi privati. La Regione Emilia-Romagna, con l’Alta Via e con le Ciclovie dei Parchi, promuove la conservazione della natura e la valorizzazione dell’intero sistema regionale delle aree protette anche con lo sviluppo del turismo sostenibile. Le Selve sono inserite nell’itinerario “Alta Via dei Parchi” come posto pernotto della 14° tappa.

 

Innumerevoli sentieri vi porteranno alla scoperta di luoghi incantati, in un contesto puro e ogni panorama regalerà un’emozione unica. Itinerari naturalistici, storici, sportivi. Presso il bar delle Selve troverete una cartografia completa degli itinerari, con possibilità di caricare i dati sul vostro GPS. Itinerari possibili a Cavallo, Mountain Bike, Trekking…

Mountain Bike

By
In collaborazione con Appennino Bike nella persona di Fabio Gioiellieri, organizziamo tour ed escursioni in mountain bike tra splendidi castagneti secolari e sentieri naturalistici. Da tour in giornata o di più giorni tutto sarà organizzato nei minimi particolari, lasciandovi solo il compito di godervi i nostri magnifici posti. Presso la struttura c’è la possibilità di docce e lavaggio mountain bike.

Raccolta Marroni

By

Raccolta Marroni IGP:

La nostra struttura comprende un ampio bosco di circa 5 ettari di castagneti secolari, di facilissima accessibilità, adatto a tutti, bambini compresi. Tutti i week end di Ottobre dalle 8.30 alle 17 viene data la possibilità di effettuare la raccolta dei Marroni. Le modalità: Presso il bar della struttura venite registrati e vi viene consegnata una pettorina con la scritta “Io posso raccogliere” che da il diritto di accedere al bosco e raccogliere senza limiti ne di tempo ne di quantità. Un volta rientrati si pesa il raccolto e si regolarizza a seconda della quotazione dell’anno in corso. Il bosco viene utilizzato anche in modo didattico da scuole ed enti per far scoprire il meraviglioso mondo dei castagneti.

Campeggio

By
Immerso in mezzo alla natura e posizionato a 505 mt slm, il Campeggio del Complesso Turistico Le Selve, offre ampie e fresche piazzole in grado di accogliere tende, camper e roulotte. Dotato di servizi igienici con docce, bagni, lavelli stoviglie e lavelli biancheria.
A disposizione gratuita dei clienti del campeggio una postazione barbecue per potervi preparare ottime grigliate al fresco. Presso i locali servizi del campeggio è disponibile un frigo per tenere in fresco le vostre bevande o per qualsiasi vostra esigenza.

 

Gli spazi più prossimi al Centro sono recintati e garantiscono quindi la massima sicurezza per gli ospiti più piccoli, che possono giocare liberamente negli ampi prati senza il rischio di correre inavvertitamente lungo la strada e nel parcheggio esterno.
Presso il bar del campeggio, su prenotazione, è possibile gustare una colazione a buffet, mentre sono sempre disponibili bevende, stuzzichini, gelati, taglieri misti, toast, bruschette, piadine.
Altra ristorazione disponibile su prenotazione.

Sosta Camper:

Un prato circondato da meravigliosi boschi può ospitare gli amici camperisti. Attacco corrente e carico acqua, bagni e docce sono i servizi dedicati, mentre presso il ristorante è possibile richiedere piatti da asporto. La sosta camper è gratuita per chi consuma pasti presso il nostro ristorante.

Scroll Up